informativachiudiQuesto sito utilizza cookie di profilazione, esclusivamente di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

Sacrale schiavitù a Maria

Sala del Regno di Maria

... Allo stesso modo ringrazio la Madonna
- sempre che sia possibile trovare parole sufficienti per farlo -
della grazia di aver letto e diffuso il Trattato della vera devozione a Maria
di San Luigi Maria Grignion di Montfort
e di essermi consacrato a Lei come schiavo perpetuo.

(Plinio Corrêa de Oliveira - Testamento Spirituale)

 


 

DALLA VEDETTA DI FATIMA

 

Madonna di Fatima

 

Si potrebbe dire De Fatima numquam satis, cioè, di Fatima non dire mai basta. Fatima non è un avvenimento accaduto soltanto in Portogallo, né che interessi solo il nostro tempo. Fatima è una pietra miliare nella stessa storia della Chiesa. Che lo si voglia o no, Fatima è la vera aurora dei tempi nuovi, i cui albori si manifestano nei campi di battaglia (1).

In mezzo alla confusione terrena si aprirono i Cieli e la Vergine apparve a Fatima per dire agli uomini la verità. Verità austera, di ammonimento e penitenza. ma verità ricca di promesse di salvezza. Al termine di questo triste e vergognoso anno di confusione, il miracolo di Fatima si è quasi ripetuto agli occhi del Vicario di Cristo, per testimoniare che le minacce di Dio continuano a incombere sugli uomini, e che però la protezione della Vergine non abbandonerà mai la Chiesa e i suoi veri figli (2).

Il trionfo del Cuore Immacolato di Maria promesso a Fatima che mai può essere, se non il Regno della Beatissima Vergine profetizzato da san Luigi Grignion de Montfort? E questo Regno che mai può essere, se non quell'epoca di virtù in cui l'umanità, riconciliata con Dio nel grembo della Chiesa, vivrà in terra secondo la Legge, preparandosi per le glorie del Cielo? (3)

Si vocem ejus hodie audieritis, nolite obdurare vestra corda - se oggi sentite la sua voce, non indurite i vostri cuori, dice la Sacra Scrittura. Annoverando la festa della Madonna di Fatima nelle celebrazioni liturgiche, la Santa Chiesa proclama l'attualità del messaggio che la Madonna ha dato al mondo attraverso i pastorelli. Nel giorno della sua festa, ancora una volta la voce di Fatima viene a noi: Non induriamo i nostri cuori perché solo così potremo trovare la strada per la vera pace (4).

Se vogliamo che la nostra preghiera sia ascoltata, non facciamo leva sui nostri meriti. Apparendo ai pastorelli di Fatima, la Madonna indicò come condizione per la salvezza del mondo contemporaneo la devozione al suo Cuore Immacolato. È nota la devozione della piccola Giacinta – la Bernadette di Fatima – per il Santo Padre, e l'insistenza con cui raccomanda che si preghi per il Papa. Quindi, con lo sguardo sugli eventi miracolosi di Fatima, e affidando al Cuore Immacolato di Maria tutte le nostre speranze, preghiamo assiduamente per il Santo Padre, in questo periodo amarissimo del suo pontificato (5).

(Plinio Corrêa de Oliveira)

 

Medaglia mariana

 

  1. Plinio Corrêa de Oliveira, "Livros versus canhões", in O Legionário, n. 661, 8 aprile 1945.
  2. Id., "Nolite timere pusillus grex", in Catolicismo, n. 13, gennaio 1952.
  3. Id., "Hodie in terra canunt angeli, laetantur arcangeli, hodie exsultant justi", in Catolicismo, n. 84, dicembre 1957.
  4. Id., "Não endureçamos os nossos corações", in O Legionário, 14 maggio 1944.
  5. Id., "Sete dias em revista", in O Legionário, n. 597, 16 gennaio 1944.

 

Vai all'indice "Sacrale schiavitù" »

 
 
 

Per contattarci: info@pliniocorreadeoliveira.it | Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui

Informativa cookie | Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2015 pxl - web sites