informativachiudiQuesto sito utilizza cookie di profilazione, esclusivamente di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

Il nostro Fondatore

Corona Regina

 

SALVAMI REGINA!

 

Statua di Maria Ausiliatrice

Statua di Maria Ausiliatrice
che si venera nella chiesa del Sacro Cuore
a San Paolo, Brasile

 

Durante la sua permanenza al Collegio San Luigi, avendo undici anni, Plinio dovette affrontare un' "angosciante prova spirituale", dalla quale uscì vittorioso e con la sua devozione alla Madonna saldamente fondata. Avendo ingiustamente ottenuto a scuola una mediocre nota in condotta, egli fu tentato da un profondo scoraggiamento. Donna Lucilia, la mamma, avrebbe infatti tollerato una nota non eccellente in altre materie, in quanto nessuno è obbligato ad essere intelligente. Ma assolutamente non tollerava meno di 9/10 in condotta.

Angosciato, invece di affrontare apertamente la situazione affidandosi all'amore materno che tutto perdona, Plinio ricorse a un trucco infantile: cancellò con l'acqua la nota e al suo posto scrisse quello che pensava di meritare. Arrivato a casa, l'imbroglio fu subito scoperto. Richiamato dalla mamma, questa lo rimproverò con molta dolcezza, ma anche con severità: "Io non sapevo di avere un figlio falsario!".

"Falsario"... Queste parole rimbombarono come tuoni nell'animo del giovane Plinio. Dimenticando quanto grande fosse la misericordia materna, egli pensava di aver perso la benevolenza della mamma e, quindi, di essere irrimediabilmente perduto. Sembrava che l'universo gli crollasse addosso... Raccogliendo le poche forze rimastegli, andò di corsa nella chiesa del Sacro Cuore e, gettandosi umilmente ai piedi di Maria Ausiliatrice, si mise a pregare la Salve Regina, che nella sua innocenza infantile pensava significasse "Salvami Regina!".

La Madonna esaudì la sua preghiera. Egli iniziò a sentire una soavità, una pace di spirito, una serenità accompagnata da una sorta di certezza interiore che lo convinse di potersi fidare della Madonna in qualsiasi circostanza, giacché da Lei avrebbe ottenuto sempre il perdono. Era come se la Madonna gli avesse detto: "Fiducia figlio mio! Abbi devozione a Me e Io ti guiderò per tutta la vita!".

Da allora fino ai suoi ultimi giorni, il nostro Fondatore ebbe l'immensa grazia di non avere più nessun indietreggiamento nella sua devozione mariana.

 

Leone rampante

 

Vai all'indice "Il nostro Fondatore" »

 
 
 

Per contattarci: info@pliniocorreadeoliveira.it | Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui

Informativa cookie | Privacy policy | Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2015 pxl - web sites