informativachiudiQuesto sito utilizza cookie di profilazione, esclusivamente di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

Il nostro Fondatore

UNA PREVISIONE DEL 1936, PURTROPPO INASCOLTATA

 

Plinio Corrêa de Oliveira

 

I mezzi di comunicazione sociale hanno dato la tragica notizia
che il Belgio, dal 13 Febbraio di questo triste 2014,
è il primo paese in cui viene legalizzata - senza fissare il limite di età -
l'eutanasia per i bambini ed adolescenti che abbiano una "infermità incurabile".
Infatti, in Olanda è già in vigore un decreto simile,
limitato però ai bambini di 12 anni.

 

Eutanasia dei bambini

Per la prima volta, da quando il mondo è governato dai princìpi della civiltà di Gesù Cristo, un padre uccide il proprio figlio per ragioni di salute.

Si tratta del Signor Sullivan, di Perth, in Australia, che uscito per una passeggiata insieme al figlio l'ha improvvisamente ucciso con un colpo di pistola. Lo stesso infanticida ha poi condotto il piccolo cadavere alla polizia, dichiarando che la ragione del suo crimine era che suo figlio stava soffrendo di una malattia incurabile.

Non era lecito, a questo padre snaturato, uccidere suo figlio, qualunque fosse il pretesto evocato. Ma facciamo astrazione di questo, e consideriamo la questione sotto un altro aspetto. Il Signor Sullivan è un autista, pertanto una persona relativamente priva di risorse. Sarà così certo che la diagnosi di un medico di 2a classe, che è quello che probabilmente ha consultato il Signor Sullivan, autorizzi l'infanticidio? Sarà realmente incurabile questa malattia? Con i progressi che la medicina sta facendo, non è ben possibile che, da qui a un paio di anni, il bambino potesse essere curato?

Su nulla di questo il Signor Sullivan ha riflettuto. Il Signor Sullivan, in sé, non interessa. Il suo comportamento vale come sintomo di una civiltà.

A tal punto il mondo scristianizzato sta perdendo il senso della carità, che diversi scrittori europei già sostengono l'inutilità e, più di questo, la nocività degli istituti di assistenza ai bambini malati.

Se il bambino malato è un essere inferiore, per quale ragione lo Stato deve assumersi gli oneri della sua educazione? Non sarà meglio lasciar morire questi rami secchi, affinché la linfa affluisca più abbondantemente ai rami sani?

Se un giorno questo pensiero conquisterà il mondo, i casi come quello del Signor Sullivan saranno numerosissimi.

(Plinio Corrêa de Oliveira - "Legionario", 4 Ottobre 1936, rubrica "7 Dias em revista")

 

Vai all'indice "Il nostro Fondatore" »

 
 
 

Per contattarci: info@pliniocorreadeoliveira.it | Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui

Informativa cookie | Privacy policy | Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2015 pxl - web sites