informativachiudiQuesto sito utilizza cookie di profilazione, esclusivamente di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

Il nostro Fondatore

Nel ricordo del suo Battesimo

SE VOLETE CONOSCERMI, SE VOLETE SEGUIRMI...

 

Dona Lucilia

Dona Lucilia, sua tenera madre

 

Egli ricevette il sacramento nella chiesa parrocchiale di Santa Cecilia,
a San Paolo del Brasile, il 7 giugno 1909.
Ecco le sue edificanti parole di risposta ad un omaggio
dei suoi figli spirituali, il 7 giugno 1978,
che mostrano i vincoli spirituali che lo legavano al Corpo Mistico di Cristo.

 

Io amo smisuratamente il dono di appartenere alla Chiesa, una ricompensa molto grande che mi è stata concessa prima di meritarlo.

Il mio atteggiamento di tutti i giorni, di tutti i minuti, di tutti gli istanti è quello di cercare con lo sguardo la Chiesa Cattolica per essere permeato dal suo spirito, per averla dentro di me, per diventare uno con Lei. E, anche se Essa dovesse essere abbandonata da tutti gli uomini, nella misura in cui ciò fosse possibile senza che cessasse d'esistere, io vorrei averla totalmente nella mia anima. Vorrei vivere soltanto per la Chiesa. Sicché, al momento della mia morte, io potessi dire: Veramente, fui un uomo cattolico, tutto apostolico, romano, romano, romano, nonostante tutte le mie miserie e tutte le sofferenze che l'essere romano oggi comporta.

Se volete conoscermi, se volete seguirmi, cercate di capire come lo spirito della Chiesa vive nella mia anima. Vi chiedo una sola cosa: cercate di vedere in me quel che ho di cattolico, ciò che esiste della Santa Chiesa in me. Cercate di capire come questo Battesimo, che ho ricevuto tanti decenni fa, ha lasciato in me un segno, si è sviluppato lungo la mia vita. Cercate di capire come appartengo alla Chiesa, come la mia anima riflette la Santa Chiesa Cattolica Apostolica Romana. Cercate di capire come io amo questa Chiesa.

Come potrebbe esistere questo amore senza che io veda la Chiesa in un certo modo? Io amo la Chiesa perché l'ho conosciuta. Io amo la Chiesa perché l'ho capita. Io amo la Chiesa perché vi ho aderito con tutta la mia anima. La amo con tale forza che la parola "aderire" mi pare debole. Io mi sono radicato nella Chiesa! La Chiesa è penetrata in me! Ho stabilito con Lei un connubio spirituale talmente intimo quanto la debolezza umana lo consente. Un connubio completo, indissolubile, per la vita e la morte, per il tempo e per l'eternità! Questa è la mia appartenenza alla Chiesa Cattolica.

 

Plinio e la Madonna di Fatima

 

Si potrebbe dire di questa appartenenza quel che S. Paolo disse di Nostro Signore Gesù Cristo: "Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me". Noi siamo chiamati a realizzare questa unione con la Chiesa fino a poter dire: "Non sono più io che vivo, ma la Chiesa Cattolica Romana vive in me".

Guardia SvizzeraEd è anche questo il modo in cui la Madonna vive in me. La Madonna è la madre della Chiesa. Se io voglio che la Madonna viva in me, devo far vivere in me lo spirito della Chiesa. La Madonna è il tempio dello Spirito Santo. Se io voglio che Nostro Signore Gesù Cristo viva in me, devo far sì che lo spirito di Santa Romana Chiesa viva in me. E quando dico che non sono più io che vivo, ma la Chiesa Cattolica vive in me, implicitamente dico che la Madonna e Nostro Signore Gesù Cristo vivono in me.

A tutti, continuamente, non ho fatto altro che dire: amate la Santa Chiesa Cattolica Apostolica Romana! È questo l'ideale della mia vita spirituale, della mia vita intellettuale, del mio apostolato, il substrato di tutta la mia esistenza.

Io contemplo continuamente la Santa Chiesa, e dal fondo della mia anima sgorga continuamente questa considerazione: "Finché ci sia la Chiesa sulla terra, la mia vita ha una ragion d'essere. E se un giorno Essa dovesse morire, io vorrei morire con Lei, dandole un amore che partecipi in qualche modo al culto di latria. Vorrei morire perché la mia vita non avrebbe più senso. Le mie ossa si disgregherebbero, tutto il mio essere si scioglierebbe perché non c'è più la Santa Chiesa Cattolica Apostolica Romana!"

(Fonte: Associazione Tradizione Famiglia e Proprietà)

 

Vai all'indice "Il nostro Fondatore" »

 
 
 

Per contattarci: info@pliniocorreadeoliveira.it | Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui

Informativa cookie | Privacy policy | Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2015 pxl - web sites