informativachiudiQuesto sito utilizza cookie di profilazione, esclusivamente di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

Il nostro Fondatore

IL PICCOLO PLINIO "INCONTRA" CARLO MAGNO

 

Giovane Plinio"Avevo allora 8-9 anni. A quell'epoca si viaggiava in treno. Mi ero recato con la mia famiglia alla stazione centrale di San Paolo per prendere il treno, non ricordo per quale destinazione. C'era lì un'edicola molto ordinaria che vendeva libri a basso prezzo. Prima di salire sul treno diedi uno sguardo agli scaffali e vidi un libro talmente modesto che non era nemmeno rilegato. Era la storia di Carlo Magno, il grande imperatore medievale.

"Sulla copertina c'era Carlo Magno con i suoi due pari, Oliviero e Rolando. Rimasi entusiasmato. Mi sembravano l'incarnazione umana delle virtù. Erano persone in perfetto equilibrio, un equilibrio carolingio, maestoso. L'imperatore aveva lo sguardo rivolto verso l'alto, come se contemplasse Dio e le cause più elevate. Era un sintesi di forza, calma, aggressività e grinta. Era una calma piena di grinta. Un equilibrio frutto di una visione lucida delle cose. Era formidabile! Già a quel primo sguardo la figura di Carlo Magno mi entusiasmò. Era evidentemente un'azione della grazia divina.

Carlo Magno"Senza sapere il perché, giacché mai avevo sentito parlare di Carlo Magno, dissi a mio padre, che mi teneva per mano: - Papà, io voglio acquistare quel libro. Certamente pensando a tutt'altra cosa, mio padre rispose: - Cosa vuoi? - Io voglio quel libro. - Carlo Magno? Ma cosa c'entri tu con Carlo Magno? - Papà, io voglio quel libro!

"Mio padre comprò il libro e me lo misi in tasca. Una volta sul treno, con tutta la famiglia ben sistemata, i bambini sotto controllo, ecc., io me ne andai in un angolo dove non c'era nessuno, mi sedetti e cominciai a leggere il libro.

"Carlo Magno rappresentava proprio l'idea che io mi ero sempre fatto di Dio, che non corrispondeva esattamente a quella del Catechismo, senza tuttavia esserne il contrario.

Pensai: questa è un'immagine di Dio! Cominciai a pregare. E capii che io dovevo combattere contro il malvagi di oggi come Carlo Magno combatté contro i musulmani e contro i barbari."

 

Carlo Magno

 

Vai all'indice "Il nostro Fondatore" »

 
 
 

Per contattarci: info@pliniocorreadeoliveira.it | Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui

Informativa cookie | Privacy policy | Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2015 pxl - web sites