informativachiudiQuesto sito utilizza cookie di profilazione, esclusivamente di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

Encomi ed Avalli

MONS. JUAN RODOLFO LAISE

 

Gaming, 30 luglio 2005

 

Cari Signori Direttori,

Mi congratulo con l'Associazione dei Fondatori della TFP per l'edizione di questo libro ["Plinio Corrêa de Oliveira, 1908-1995 - Dez anos depois..."] in memoria del Dott. Plinio Corrêa de Oliveira, in ricorrenza del decimo anno della sua scomparsa.

Juan Rodolfo LaiseSono sicuro che la lettura delle diverse collaborazioni che in quest'opera illuminano le svariate sfaccettature della sua lunga traiettoria - la quale produsse tanto impatto al servizio di Cristo e dell'unica Chiesa da Lui fondata - sarà non soltanto motivo di profondo e sentito riconoscimento per la sua esemplare testimonianza di figlio della Chiesa, ma anche uno stimolo per lottare, come l'avrebbe fatto lui, per il consolidamento della Civiltà Cristiana. Un compito oggi più necessario che mai, poiché la società contemporanea pretende vivere come se Dio non esistesse, sino all'assurdo di non voler riconoscere, ostinatamente, le radici cristiane del continente europeo.

Questa felice iniziativa completa il prezioso contributo del libro scritto dal Prof. Roberto de Mattei, Il crociato del secolo XX, che risaltò cronologicamente, con spiccata maestria e con una documentazione fondata e precisa, gli aspetti più salienti della ricca personalità di Plinio Corrêa de Oliveira.

Queste due opere presentano un uomo giusto, coerente con i valori supremi del diritto naturale e divino, per i quali ha sempre regolato la propria vita. In questa traiettoria egli fu sostenuto dalla Fede cattolica, che apprese come regola di vita in famiglia, e in concreto da sua madre, la quale, come Dott. Plinio stesso manifestò, gli insegnò a conoscere ed amare la Chiesa Cattolica.

A partire dalla Fede si arricchì una convinzione, che con lo scorrere degli anni incontrò delle basi sempre più profonde e stabili; e si forgiò la tempra eroica di un carattere vigoroso e combattivo contro il potere del male in tutte le sue manifestazioni. Da qui ne consegue il suo concetto della vita, incentrata nella lotta incessante, senza sosta, assumendo le conseguenze che derivano dall'adesione a Cristo, come Egli stesso manifestò nel Vangelo: "Un servo non è più grande del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi" (Gv. 15,18-21).

Questa lotta contro il potere del male in tutti i campi dell'attività umana era concepita dal Dott. Plinio come una Contro-Rivoluzione. Ossia, come la restaurazione dell'ordine desiderato da Dio, in opposizione alla Rivoluzione promossa dalle correnti di pensiero naturaliste che - dall'Umanesimo e la Riforma protestante sino al totalitarismo nazista-comunista, passando attraverso l'Illuminismo e la "eresia delle opere", denunciata da Leone XIII con il nome di americanismo - dichiarano che l'uomo è auto-sufficiente nelle sue conquiste, senza contare sull'ausilio divino che in effetti, nella vita privata e pubblica, conferisce valore e consistenza allo sforzo umano.

Quale è la nostra vocazione? A questa domanda il Dott. Plinio rispondeva: "La nostra vocazione è fare in Terra quello che fecero gli Angeli in Cielo quando Lucifero si ribellò contro Dio".

In questa lotta della Contro-Rivoluzione, Plinio Corrêa de Oliveira fu certamente un apostolo, coerente ad ogni momento con la sua Fede cattolica, alimentata nella feconda fonte della vita interiore, che egli imparò sin da giovane leggendo il libro L'Anima di ogni Apostolato, di Dom Chautard; e completata più tardi con la consacrazione di tutto sé stesso alla Vergine Santissima, secondo gli insegnamenti di San Luigi Maria Grignion da Monfort.

Da questa profonda vita interiore provenne la sua certezza del trionfo del Cuore Immacolato di Maria, come fu profetizzato nel 1917 nelle rivelazione della Madonna a Fatima.

Per questo egli animava i giovani a coinvolgersi nella lotta contro il potere del male e non fermarsi a metà cammino; a scalare montagne più elevate, affidandosi sempre a Nostra Signora, che ci porterà al trionfo definitivo nel tempo e nell'eternità.

Il luminoso esempio di questa vita eccezionale, di un cattolico che ha sempre lottato per Cristo e per la sua Chiesa, per il trionfo della Civiltà Cristiana, sarà per tutti un incentivo ad imitarlo nei nostri tempi, che hanno sempre più bisogno di apostoli intrepidi e valorosi per costruire un mondo più umano, fondato nel rispetto e nella collaborazione con il progetto di Dio nella Storia degli uomini.

+ Juan Rodolfo Laise
Vescovo emerito di San Luis - Repubblica Argentina

(D. Juan Rodolfo Laise nacque a Buenos Aires, nel 1926; fu ordinato sacerdote nell'Ordine Francescano dei Frati Minori Capuccini, nel 1949; eletto vescovo titolare di Giomnio e coadiutore con diritto di successione a San Luis, nel 1971; quindi vescovo di San Luis, nello stesso anno. Avendo raggiunto l'età limite, rinunciò nel 2001. Cfr. in "Plinio Corrêa de Oliveira, 1908-1995 - Dez anos depois..." - http://www.tfp-fundadores.org.br)

 

Vai all'indice "Encomi ed Avalli" »

 
 
 

Per contattarci: info@pliniocorreadeoliveira.it | Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui

Informativa cookie | Privacy policy | Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2015 pxl - web sites