informativachiudiQuesto sito utilizza cookie di profilazione, esclusivamente di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

Bacheca

DENSE TENEBRE, PRELUDIO DI VITTORIE

 

Il popolo della famiglia torna in piazza!

La Madonna Nicopeia

 

Nicopeia è una parola greca che significa "artefice" o "operatrice di vittorie".

In mezzo alla dense tenebre di questo secolo che tramonta, allo sguardo apprensivo e affaticato dell'uomo contemporaneo si presentano in numero sempre crescente le sconfitte, i fallimenti, le rovine...

Eppure, bisogna aver fiducia! È proprio nei momenti più difficili che la Provvidenza interviene in modo più meraviglioso per sorreggere l'uomo di Fede. Ed è così che, per lui, le dense tenebre costituiscono il preludio di grandi vittorie.

Vittorie, sì, contro gli innumerevoli fattori di disgregazione e di distruzione che, da tutte le parti, infieriscono contro ciò che resta di Civiltà Cristiana e, segnatamente, contro la tradizione, la famiglia e la proprietà.

Questo è il momento di volgere il nostro sguardo, con più fiducia che mai, alla Madonna Nicopeia, alla Madonna vincitrice.

Sono proprio queste vittorie, conseguite dalla Santa Madre di Dio - senza la cui intercessione nessuna preghiera giunge al Divin Figliolo e nessuna grazia affluisce da quel Figlio agli uomini - ciò che dobbiamo chiedere a Lei, con la fiducia di essere esauditi. Dinanzi al cupo panorama dei giorni nostri, io imploro la mediazione vittoriosa della Santissima Vergine Nicopeia per tutti voi, per le vostre famiglie e per tutti i vostri cari.

(Plinio Corrêa de Oliveira - Messaggio ai soci e cooperatori delle TFP di tutto il mondo. Dicembre 1990)

 

L'icona della Madonna detta Nicopeia (secolo X) era stata prima posseduta dagli imperatori bizantini che la portavano sempre in battaglia, come pegno di futura vittoria. Oggi si conserva nella Basilica di San Marco, a Venezia, dove fu portata dal doge Enrico Dandolo di ritorno da Costantinopoli, nel 1204.

 

Vai all'indice "Bacheca" »

 
 
 

Per contattarci: info@pliniocorreadeoliveira.it | Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui

Informativa cookie | Privacy policy | Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2015 pxl - web sites