informativachiudiQuesto sito utilizza cookie di profilazione, esclusivamente di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo acconsenti all'uso dei cookie.

CHRISTUS VINCIT!

21/04/2019
 
CHRISTUS
VINCIT!

Bacheca

Dopo Roma, anche Palermo commemora
i 50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"

 

MARIA VINCIT, MARIA REGNAT, MARIA IMPERAT!

 

Intervento finale di Claudio Accardi
membro del Circolo Culturale Plinio Corrêa de Oliveira
al Convegno di Palermo dell'11 dicembre 2009

 

50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"

 

Eccellenza Reverendissima, illustri relatori, signore e signori,

in occasione del cinquantenario della pubblicazione di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione", noi, membri del Circolo Culturale Plinio Corrêa de Oliveira, fieri di ritrovarci tutti insieme per questo lieto evento, desideriamo esprimere un accorato gesto di gratitudine nei confronti di colui che ispira la nostra azione contro-rivoluzionaria.

Per quale motivo, vi chiederete, dei giovani siciliani si appassionano a quest'opera e aspirano a conformare la propria vita a questo insigne modello di militanza cattolica? Per mero esercizio accademico? Per vanagloria? Stolti saremmo se questo fosse il nostro fine. La verità è ben altra.

In una società sempre più scristianizzata e decadente, noi giovani sentiamo il desiderio di principi che ci permettano di vivere la nostra Fede senza sbandamenti né concessione alcuna a coloro che da cinque secoli, di generazione in generazione, come stirpe del serpente, guidano la Rivoluzione gnostica e ugualitaria. Nel capolavoro "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione" troviamo compiuta risposta a questo desiderio: conoscere la Rivoluzione, l'Ordine e la Contro-Rivoluzione nel loro spirito, nelle loro dottrine, nei loro rispettivi metodi. Amare la Contro-Rivoluzione e l'Ordine cristiano, odiare la Rivoluzione e l'anti-Ordine. Questo amore e questo odio compongono l'asse intorno al quale vogliamo che gravitino tutti i nostri ideali, tutte le nostre preferenze, tutte le nostre attività.

Sarebbe fine a sé stesso conoscere tutto questo se mancasse l'esempio vivo del Dottor Plinio. Egli ci insegna, quale sua prole spirituale che "Iddio ama l'eroismo e che a tutti i suoi amici, prima o poi, concede la grazia di essere eroi". Questo è l'orizzonte al quale miriamo: essere eroi alla stregua di coloro che donarono il proprio sangue per edificare la Civiltà Cristiana; essere eroi come coloro che morirono per difendere questa stessa Civiltà che fu la più alta realizzazione dell'ideale cattolico; ma, ancor più, essere eroi oggi, lottando contro i nemici celati o dichiarati di Cristo e della Sua Santa Chiesa.

Ecco perché non è casuale che questo spirito così dedito alla Controrivoluzione riecheggi nella nostra isola, il Feudo di Maria. Il Dottor Plinio stesso osservò che la Sicilia poteva svolgere un espressivo ruolo controrivoluzionario. Di conseguenza, da siciliani, la nostra ardente devozione Mariana e la nostra fedeltà illimitata alla Chiesa dovranno caratterizzare sempre il nostro modo di essere per fare della Sicilia una terra cattolica, apostolica, pienamente romana.

Ecco l'invito che Il Circolo Culturale Plinio Corrêa de Oliveira vuole rivolgere a tutti, ma specialmente ai giovani qui presenti.

Le ultime parole le rivolgo al Fondatore:

Carissimo Dottor Plinio, non smetteremo mai di ammirare ed amare la provvidenzialità della sua missione. Come nostro modello, Le chiediamo di mediare presso la Regina della Contro-Rivoluzione affinché proclamiamo il nome di Plinio Corrêa de Oliveira e portiamo avanti, come membri della sua famiglia spirituale, l'eredità che ci ha lasciato attraverso i suoi figli primogeniti.

Dottor Plinio: preceda dunque i nostri passi e ci accompagni nella tragica ma bellissima battaglia di questo XXI secolo, verso il trionfo della Madonna profetizzato a Fatima, il Regno di Maria.

Maria vincit, Maria regnat, Maria imperat!

 


 

PALERMO

 

50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"

S. E. Rev.ma Mons. Luigi Bommarito, Arcivescovo emerito di Catania, apre il Convegno

 

50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"   50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"
     
Panoramica
del pubblico
presso il teatro
Don Bosco Ranchibile
  Relatori:
(a destra) Giovanni Cantoni e Nelson Fragelli;
(secondo a sinistra) Massimo Introvigne
Moderatore: Juan Miguel Montes

 


 

ROMA

 

50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"   50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"
     
Intervento di Massimo Introvigne   Intervento di Julio Loredo

 

50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"

Auditorio dell'Augustinianum

 

50 anni di "Rivoluzione e Contro-Rivoluzione"

S.E. Rev.ma Mons. Schneider, Vescovo ausiliare di Karaganda
si intrattiene con S.A.I.R. Bertrand de Orléans e Bragança, principe imperiale del Brasile
e Mario Navarro, responsabile del bureau della TFP a Washington

 

I Sessione
Presiede: S.A.I.R. Bertrand de Orléans e Bragança, principe imperiale del Brasile
Relatori: Massimo Introvigne e Julio Loredo

II Sessione
Presiede: Caio Vidigal Xavier da Silveira
Relatori: Mauro Ronco e Giovanni Cantoni

 

Vai all'indice "Bacheca" »

 
 
 

Per contattarci: info@pliniocorreadeoliveira.it | Per iscriverti alla nostra newsletter clicca qui

Informativa cookie | Privacy policy | Tutti i diritti sono riservati. Copyright © 2015 pxl - web sites